Creare la Pasta Madre Semiliquida

Generare la pasta madre madre semiliquida è molto semplice: richiede solo un pò di tempo e costanza e in 16 giorni si può cominciare ad impastare. Attenzione però alla temperatura che deve rimanere tra 22 e 28 gradi, è quindi consigliato generare il lievito madre semiliquido in estate.

Lievito madre Semiliquido

Ingredienti:

  • Farina: 200gr di tipo 0 biologica
  • Acqua: 100gr
  • Zucchero di canna: 1 cucchiaino

Preparazione:

GIORNO 1

Intiepidire l’acqua, dovrebbe essere a circa 30 gradi. In vaso alto mescolare con un cucchiaio di legno tutti gli ingredienti per ottenere un composto senza grumi. Coprire il vaso con un canovaccio e fermarlo con un elastico in modo creare una sorta di coperchio. 

L’impasto deve “respirare” quindi assolutamente evitare chiusure ermetiche. Lasciare riposare a temperatura ambiente (tra 22°C e 28°C) lontano da correnti d’aria (ad esempio in un armadietto della cucina) per 48 ore.

GIORNO 3

Ora si comincia a fare dei rinfreschi ogni 48 ore per 14 giorni tenendo sempre il lievito a temperatura ambiente e chiudendo il vaso con il coperchio traforato. 

Quindi prelevare 50 gr del nostro composto, aggiungere 50 gr di acqua e 50 gr di farina tipo 0. A questo punto mescolare bene e coprire con il coperchio traforato. Lasciare riposare a temperatura ambiente (tra 22°C e 28°C) lontano da correnti d’aria (ad esempio in un armadietto della cucina) per 48 ore.

GIORNI 4-6-8-10-12-14

Ripetere le operazioni del giorno 3.

GIORNO 16

La pasta madre semiliquida è pronta! Si noteranno delle bollicine in superficie. Procedere ora con il rinfresco come indicato nella nostra guida “Lievito Madre Semiliquido – come curarlo e usarlo” e quindi riporlo in frigorifero.

Il nostro lievito madre sarà molto giovane: potrebbe risultare un pochino acido e non avere la resa di una pasta madre più matura. Ma bisogna cominciare ad utilizzarla, magari con prodotti che non richiedano lievitazioni eccessive.

Per la conservazione e il rinfresco vedere la pagina relativa alla pasta madre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *