Creare la Pasta Madre Solida

Generare la pasta madre solida richiede solo 13 giorni utilizzando un ingrediente che supporti la fermentazione: il miele. L’unica accortezza è la temperatura che deve rimanere tra 18 e 25 gradi ma qualche coccola se la merita anche la nostra pasta madre. Ricordiamoci infatti che è un “essere vivente”. Varia moltissimo a seconda del luogo dove viene tenuta, dell’acqua usata, del tipo di farina… ogni pasta madre è diversa dalle altre.

Ingredienti:

Preparazione:

GIORNO 1

Impastare gli ingredienti e formare una palla. Praticare una incisione ad X e mettere in una ciotola coperta con uno strofinaccio pulito. Lasciare riposare a temperatura ambiente (tra 18°C e 25°C) lontano da correnti d’aria (ad esempio in un armadietto della cucina).

GIORNO 2 

Lasciare riposare, l’impasto che cresce fino al raddoppio diventando anche un pò schiumoso. 

GIORNO 3 e 4

Togliere la crosta che si  formata in superficie e buttarla. Prelevare 200 gr di impasto e buttare il resto. Impastare i 200 gr tenuti con 100 gr di acqua e 200 gr di farina e formare una palla. Praticare una incisione ad X e mettere in una ciotola coperta con uno strofinaccio pulito e inumidito. Lasciare riposare a temperatura ambiente (tra 18°C e 25°C) lontano da correnti d’aria (ad esempio in un armadietto della cucina), per 48 ore.

GIORNO 5 e 6

Ripetere l’operazione effettuata nei giorni 3-4.

GIORNO 7 e fino al GIORNO 13

Procedere al rinfresco come effettuato nei giorni 3 e 5 ma lasciare riposare solo 24 ore. Ora la pasta madre va lasciata riposare in un barattolo alto, coperta con uno strofinaccio umido. Procedere così per 7 giorni, con rinfreschi ogni 24 ore avendo l’accortezza di riporre la pasta in un barattolo sempre pulito. Nelle 2 ore la pasta madre deve crescere, altrimenti significa che non qualcosa è andato storto. Usare un elastico o un pennarello per segnare il livello al momento in cui viene riposta e notare quindi la differenza dopo le 24 ore.

GIORNO 14

La pasta madre è pronta. E’ molto giovane, potrebbe risultare un pochino acida e non avere la resa di una pasta madre più matura. Ma bisogna cominciare ad utilizzarla, magari con prodotti che non richiedano lievitazioni eccessive.

Per la conservazione e il rinfresco vedere la pagina relativa alla pasta madre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *